logo-mini

Soluzioni per accostare due diverse pavimentazioni!

Soluzioni per accostare due diverse pavimentazioni!

Quando si scelgono le finiture, si presenta spesso la necessità di accostare pavimentazioni diverse. Il caso più frequente deriva dal timore di utilizzare il parquet in tutta la casa, cucina e bagni inclusi. Oppure si vuole caratterizzare un ambiente cambiando il colore della pavimentazione, ma non si sa in che modo farlo. Ecco diverse soluzioni per farlo, a seconda delle esigenze funzionali, della distribuzione degli spazi e dell’effetto estetico che si vuole ottenere!

 

Cambio netto!

Il sistema più classico prevede il cambio di pavimentazione sulla soglia. Entrando in una stanza, proprio dove va a chiudere la porta, è visibile la netta linea di demarcazione tra una finitura e l’altra. Ci sono diversi dettagli da considerare se si segue questa strada. Occorre valutare correttamente cosa si vede a porta chiusa dall’interno e dall’esterno della stanza in questione. Un’idea può essere quella di creare una pavimentazione “filtro” che divide le due principali, oppure di cambiare l’orientamento della posa solo per lo spessore della parete divisoria!

      

 

Consideriamo la funzionalità!

Si tratta sempre di un cambio netto, come nella prima soluzione. La differenza sta nel fatto che il cambio di pavimentazione non coincide con l’ingresso in una stanza, ma dipende dalla funzionalità degli spazi. In un open space si vuole caratterizzare la cucina con una finitura più resistente? Oppure vogliamo evitare il parquet all’ingresso? In questi e altri casi, l’accostamento di due pavimentazioni può prendere come riferimento elementi d’arredo o altri “limiti” ideali. Lo spazio in questione acquisirà immediatamente un suo carattere, pur rimanendo un tutt’uno col resto della casa!

      

 

Come un tappeto!

Dai contorni sempre lineari e netti, l’effetto tappeto è molto originale! Lo scopo può essere quello di proteggere maggiormente il pavimento in aree soggette ad utilizzi più frequenti. Ad esempio, una zona piastrellata sotto il tavolo da pranzo, oppure una passatoia che accompagna dall’ingresso al soggiorno. Ma, proprio come un vero tappeto, l’obiettivo può essere semplicemente quello di decorare: in questo caso il cambio non necessariamente sarà di materiale, ma di colore!

      

 

Contorni frastagliati!

Siamo contrari ai tagli netti e vogliamo osare di più? Scegliendo accuratamente formati e design dei materiali per la pavimentazione, è possibile realizzare accostamenti frastagliati! La piastrella esagonale, ad esempio, si presta a questo gioco ed è molto in voga negli ultimi anni. Ma anche i listoni classici del parquet possono creare quest’effetto. Ormai sul mercato esiste una tale varietà di prodotti per la pavimentazione ed i rivestimenti, che la soluzione, nonostante non sia immediata, si può trovare in ogni situazione!

      

 

Cambio sì, ma graduale!

Forse ancor più particolare del precedente è il cambio di pavimentazione graduale. Quì lo stacco proprio non c’è, perché un materiale si fonde nell’altro, appunto, gradualmente! L’accostamento può avvenire tra due materiali con due colori distinti, ma si può anche decidere di creare delle sfumature usando anche la variazione cromatica. Certamente, questa scelta implica l’uso dello stesso formato per entrambi i materiali, che devono necessariamente incastrarsi tra loro.

      

 

 

Photo Credits_Pinterest

 

 


Comments are closed.