logo-mini

5 stili di arredamento per tutti i gusti!

5 stili di arredamento per tutti i gusti!

Scegliere uno stile è il primo passo per realizzare un progetto di Interior Design coerente ed armonioso. Successivamente, altrettanto importante è riproporre lo stesso stile in ogni stanza della casa! Gli stili di arredamento a cui ispirarsi sono vari, da quelli sempre in voga a quelli più soggetti alle mode del momento. Eccone cinque molto diversi tra loro, in grado di adattarsi a gusti e contesti differenti!

 

#1_Minimalista!

Lo stile minimal non passa mai di moda! Costituito da linee essenziali, elementi ridotti al minimo indispensabile ed arredi funzionali, è destinato a non stancare facilmente. Ad essere lineari sono anche le scelte cromatiche, limitate a toni neutri e naturali. Tutto ciò non deve necessariamente rendere l’ambiente asettico e poco accogliente! La scelta di tessuti e accessori particolari può andare ad impreziosire e “riscaldare” l’atmosfera. Un altro vantaggio: si tratta di uno stile che facilita la pulizia ed il riordino!

      

 

#2_Industrial!

Lo stile industrial deve il suo nome proprio all’origine a cui rimandano mobili, complementi e materiali che lo vanno a costituire. Materiali grezzi, non rifiniti, oltre ad interessare l’arredo, si possono ritrovare nelle superfici interne. Questo stile rimanda infatti agli spazi industriali dismessi: per questo motivo loft ed open-space si adattano maggiormente a ricrearne appieno l’atmosfera! Tubature e travi a vista, pareti in mattoni e grandi finestre contribuiscono a rendere ottimale l’effetto. Per questo motivo, più spesso in locali pubblici che in abitazioni, lo stile industrial trova la sua piena realizzazione.

      

 

#3_Scandinavo!

Lo stile scandinavo, originario appunto dei Paesi del Nord Europa, ha come caratteristica dominante la prevalenza del colore bianco. Questo escamotage ovvia al problema  della scarsità di luce naturale, tipica di queste regioni. Gli arredi sono realizzati con materiali naturali, come il legno, spesso massello, e grezzi sono anche i tessuti che vanno a completare l’atmosfera. Diverse le declinazioni di questo stile, come la più recente che vede l’utilizzo del colore nero per i dettagli, a contrasto con il bianco predominante. Ad ogni modo, tutte sono accomunate dall’armonia e dall’ordine!

      

 

#4_Shabby chic!

Lo stile shabby chic, molto in voga negli ultimi anni, letteralmente significa “vissuto elegante”, e si basa appunto sull’utilizzo di arredi e accessori del passato. Questi possono essere realmente “vissuti” e reinterpretati, oppure possono essere nuovi e resi artificialmente “usati”. Un metodo per ottenere l’effetto shabby sta nel decapare i mobili, facendo apparire rovinata dal tempo la verniciatura. I toni di questo stile si limitano al bianco, al beige ed al grigio, ma possono essere inseriti anche dei colori pastello molto delicati.

      

 

#5_Eclettico!

Se non c’è un stile che ci convince a tutto tondo, potremmo rimanere affascinati dallo stile eclettico. Questo si caratterizza dalla commistione di pezzi di arredo, scelte cromatiche, complementi e decorazioni provenienti da “mondi” differenti. Il “tagli” che possono essere dati a questi accostamenti sono svariati, così come i risultati che si possono ottenere. Trattandosi di uno stile eccentrico, di sicuro non può sottostare a rigide regole…ma il rischio di ottenere un miscuglio insignificante di elementi è dietro l’angolo! Proprio per questo, è forse quello più difficile da mettere in scena!

      

 

 

Photo Credits_Pinterest

 

 


Comments are closed.