LOADING...

Interior Designer: di cosa si occupa realmente?

Negli ultimi anni si associa il termine “designer” ormai ad un sacco di professionalità in svariati settori. Forse il più sentito è l’abbinamento “interior designer”…ma di cosa si occupa realmente? Un tempo si parlava solo di architettura, mentre tutto ciò che di superfluo andava a completare un progetto era opera di un mero “decoratore”! Oggi, finalmente, la professionalità dell’Interior Designer è divenuta fondamentale nella progettazione, scopriamo come!

 

Cosa fa un Interior Designer?

Se “designer”, termine introdotto a metà del ‘900 dalla lingua inglese, può essere tradotto come “disegnatore” o “progettista“, “interior” fa riferimento agli spazi interni. Spesso si tende a pensare che questo professionista si occupi solo dell’ambito “casa“. In realtà, spazi interni possono essere definiti anche quelli commerciali, come i negozi, ricettivi, come gli hotel, o lavorativi, ossia gli uffici. A differenza del più rinomato “architetto”, l’Interior Designer non si occupa della progettazione e costruzione di edifici, né dell’urbanistica. Non per questo si tratta di un mestiere che può essere improvvisato!

 

Progettista più che arredatore!

Associare la professione di Interior Designer a quella di arredatore (seppur corretto in lingua italiana), fa cadere in alcuni equivoci! Anche il proliferare di diversi programmi televisivi sul tema, anziché dare la giusta importanza a questa figura, ne sminuisce le competenze! Anziché progettista, viene infatti considerato più uno “stilista della casa”, che bada solo all’estetica e alle decorazioni, dando giusto quel tocco sfizioso ad un ambiente progettato da altri. Un Interior Designer, in realtà, possiede conoscenze e competenze in grado di progettare uno spazio interno dall’inizio alla fine, tenendo conto dell’estetica in relazione però a tantissimi altri aspetti!

 

Sfruttare al meglio gli spazi interni!

Partendo da una “scatola” progettata, appunto, da un architetto, l’Interior Designer entra in gioco per sfruttarne al meglio le potenzialità e trasformarne i limiti, in funzione delle esigenze della committenza. Interviene infatti per rendere gli ambienti funzionali, modificandone la percezione, se necessario, con alcuni trucchi. Tiene conto dei passaggi minimi per agevolarne la fruizione e dei dimensionamenti degli arredi per favorire il comfort e la vivibilità. Scelta di materiali, finiture, ed illuminazione non vengono lasciati al caso: anche queste rientrano infatti nelle competenze di un professionista del settore!

 

…fino al più piccolo dettaglio della casa!

Di pari passo con gli aspetti più progettuali e tecnici, viene data importanza allo stile di arredo che si intende dare, badando che tutto si accordi in una piacevole armonia! Arredi, complementi, colori, tessuti, tendaggi, tappeti, fino alla scelta dell’oggettistica, se richiesto, sono sicuramente oggetto di interesse per l’Interior Designer! Solo dopo aver applicato le proprie conoscenze progettuali, la definizione di questi elementi, fino ai dettagli più piccoli, assume il giusto significato per un professionista!